Caso Varia, il presidente Massimiliano Isola invita al confronto

10/10/2015 – Riportiamo l’articolo pubblicato oggi su “Il Quotidiano della Calabria” nel quale il presidente Massimiliano Isola interviene sul caso Varia invitando ad un confronto sereno e costruttivo.

di FERDINANDO PANUCCI
PALMI – Il capitolo Varia si arricchisce di altri interventi. A parlare è ora l’associazione Mbuttaturi della Varia di Palmi, che esprime la sua opinione in merito alle polemiche sorte intorno alla lettera inviata al Comune di Palmi da parte dell’Associazione per la Varia e sottoscritta dal suo Presidente Leonardo Rao. Il presidente dell’associazione, Massimiliano Isola, dichiara: “Innanzitutto si tiene a precisare che l’unico interesse dell’Associazione è teso solo ed esclusivamente alla realizzazione della festa nonché alla sua tutela e salvaguardia, in accordo agli impegni presi e sottoscritti nella candidatura Unesco”. “In particolare – continua Isola – teniamo a sottolineare la realizzazione degli impegni presi nel pieno rispetto dei ruoli di ognuno”. La miccia della polemica si è innescata quando, con una lettera aperta indirizzata all’amministrazione comunale, l’associazione per la Varia, composta dalle quattro associazioni firmatarie del piano di salvaguardia Unesco, aveva tentato di rivendicare il suo ruolo all’interno della festa, un ruolo di collaborazione fattiva, volto alla tutela della festa e delle sue tradizioni. A seguito di ciò, con un duro comunicato stampa, il sindaco Giovanni Barone, aveva voluto rimarcare il ruolo predominante del comune nella festa, affermando che l’organizzazione di quest’ultima fosse compito esclusivo dell’amministrazione comunale e di nessun’altro. A tal proposito, il presidente dell’associazione Mbuttaturi Dichiara: “Purtroppo e suo malgrado l’Associazione, si trova a dover ribadire per l’ennesima volta, che nessuno intende usurpare il ruolo dell’Amministrazione comunale nell’organizzazione della festa né, tantomeno, sostituirsi ad essa”. A nome della sua associazione, il presidente Isola cerca poi di moderare i toni del confronto, per favorire un dialogo tra le parti interessate. A tal proposito, dichiara: “L’Associazione Mbuttaturi, allo stesso tempo, rifiuta questa polemica crescente ed esasperante su giornali e social network, che sta favorendo tutto tranne il dialogo e il confronto. Noi forse più di tutti possiamo richiamare quei valori di unità alla base della festa e fare riferimento alla tanto spesso ripetuta frase, “tirare tutti nella stessa direzione”, poiché lo realizziamo fattivamente con il trasporto della macchina, ad ogni sua edizione”. Isola, ricorda poi il ruolo di protagonista che l’associazione svolge in città, dichiarando: “Vogliamo ricordare l’impegno costante e continuo di ben 500 persone, che va avanti da dieci anni, le quali dedicano gran parte del loro tempo libero a tutte le attività svolte dall’Associazione, attività che non riguardano solo la Varia, ma anche impegni di tipo sociale, con i bambini, con le scuole e di natura religiosa”. In conclusione, il presidente dell’associazione Mbuttaturi dichiara: “L’Associazione, pur rimarcando la propria posizione, auspica e spera in un sereno confronto, scevro da qualsiasi contrasto o polemica, affinché venga tutelato il superiore bene della città e della Festa della Varia”. Toni, quelli del presidente dell’Associazione Mbuttaturi, che tentano di stemperare ogni polemica, con l’obiettivo di promuovere un dialogo costruttivo ed una fase di collaborazione che possa giovare alla festa ed alla città tutta.

Fonte: “Il Quotidiano della Calabria”, 10 ottobre 2015