Iniziative nel segno della Varia, l’impegno dell’associazione ‘Mbuttaturi

Mostra “La Rete delle macchine a spalla”

15/08/2017 – Manca la Varia, non lo spirito che anima la festa. E l’associazione ‘Mbuttaturi, come sempre, si è fatta trovare pronta con una serie di iniziative nel segno della manifestazione di riferimento. Tante le attività che hanno visto protagonisti gli associati in queste settimane. Le feste di corporazione di Artigiani, Contadini e Carrettieri hanno animato la prima metà di agosto. Mancano all’appello Marinai (17 agosto, piazzetta Soccorso) e Bovari (20 agosto, Pietrenere).

Mercoledì 23 agosto l’appuntamento con il ritiro spirituale al centro Ambesi, organizzato per la prima volta in un anno in cui non c’è la Varia. Il 27 agosto, poi, la festa conclusiva dell’associazione a piazza Amendola. Da segnalare, inoltre, la mostra fotografica e documentaristica dedicata alla Rete delle macchine a spalla allestita in villa Mazzini ad inizio mese, il torneo di basket StreetBall 2.0 organizzato dai Bovari, il percorso di riscoperta del territorio “La via del sale” promosso dai Marinai e la caccia al tesoro dei Carrettieri.

Il presidente Cardone e i rappresentanti dei Gremi a Sassari

Un mix di attività ricreative, culturali e sportive che ha dato seguito all’impegno dei mesi precedenti, nei quali hanno avuto uno spazio particolare le iniziative legate alla promozione della Varia e all’impegno sociale e solidale, con la raccolta alimentare e il pranzo dell’amicizia nel periodo pasquale. Il presidente Francesco Cardone, insieme all’intero direttivo, è al lavoro per rafforzare l’impegno dell’associazione. Un occhio di riguardo per il campo della tutela, valorizzazione e promozione della festa, in linea con i principi Unesco. In quest’ottica, sotto i riflettori c’è anche l’argomento della cadenza fissa della Varia, obiettivo da raggiungere quanto prima.

Tante le idee in fase di elaborazione che vedranno la luce nei prossimi mesi. Nel frattempo, la giusta attenzione si sta dedicando ai rapporti con le città della Rete delle macchine a spalla. La partecipazione agli eventi di Nola, Gubbio e, proprio in questi giorni, Sassari per la festa dei Candelieri, muove proprio dalla necessità di solidificare i legami e promuovere lo scambio culturale sulla scia del percorso intrapreso oramai più di dieci anni fa che ha portato, nel 2013, al riconoscimento Unesco.